Il braccianese nellantichita

of 17

Please download to get full document.

View again

All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
PDF
17 pages
0 downs
3 views
Share
Description
Il braccianese nellantichita
Tags
Transcript
  4 L BRACCIANESE NELL' ANTICHITÀ DALLA PREISTORIA AL MEDIOEVO (1971) 1  IL BRACCIANESE NELL' ANTICHITÀ DALLA PREISTORIA AL MEDIOEVO «Braccianese» è concetto, e nome, senza dubbio moderno: con esso intendiamo oggi comunemente la zona che ha al centro Bracciano e il suo tenitorio, ad est il lago omonimo coi comuni di Trevignano e A!1guiJlara, ad ovest i comuni di Manziana e Canale Monterano., Siamo portati quindi ad escludere, a torto, il prossimo territorio di Oriolo Romano per via della differente provincia di appartenenza e quelli di Tolfa e Allumiere che gravitano su Civi-tavecchia, Anche la circoscrizione diocesana esclude dal Vicariato di Bracciano sia Oriolo sia Tolfa e Allumiere; include però Rota pur appartenendo essa territorialmente l comune di Tolfa, Ma trasferendoci dalla realtà odierna all'antichità, l'espres sione «Braccianese», territorialmente parlando, non è più valida. E non solo per essere, come abbiamo accennato, toponimo relativa-mente recente, ma anche e soprattutto per l'importanza, per l condizionamento, per l'autonomia dei centri del comprensorio, diversi, diversissimi talora, da epoca ad epoca. Per limitarci a tempi a noi più vicini, basti pensare ai centri deperiti, come in primo luogo Monterano in territorio canalese - strutto dai Francesi l'ultimo anno del Settecento, o ai centri sorti ex-novo tra il Cinquecento e il Seicento come Manziana e Qua-droni, Canale Monterano e Montevirginio. Assai più diverso è il quadro delle sedi umane e delle strade. del Braccianese in età romana, quando il capoluogo era orum 2  134 IL BRACCIANESE NELL ANTICHLTÀ Clodii (dov è ora San Liberato) e quando dei centri attuali del Braccianese non ne esisteva alcuno o quasi. Diversissimo è il panorama dell accentramento demografico e della viabilità in età etrusca quando la zona che ci interessa non aveva un proprio capoluogo, ma era dipendenza di Caere l odierna Cervèteri. Irriconoscibile infine la fisionomia del Braccianese nei tempi preistorici per i quali, oltre tutto, non ha senso parlare di zone, di regioni. Noi non sappiamo quando l uomo abbia fatto la sua comparsa nel Braccianese. Possediamo tuttavia rari cimeli che testimoniano la presenza dell uomo in età tardo-preistorica, forse eneolitica, dunque, a dir poco, due millenni prima di Cristo. Si tratta di due strumenti di pietra, una punta e un raschiatoio, provenienti da Bracciano ed ora nel Museo della Preistoria e Protostoria del Lazio, a Roma, e di tre cuspidi di freccia e quattro lame silicee da Canale Monterano. A questi si debbòno aggiungere ora le scoperte inedite, che chi scrive ha avuto occasione di fare in questi ultimi anni, di un giacimento di strumenti microlitici entro una cavernetta naturale, semidemolita da una cava di peperino, a Canale Monterano, di altri manufatti sporadici dai tenitoli di Manziana e Canale, di caverne in territorio canalese. Purtroppo, ad eccezione della cavernetta di Canale ancora da esplorare, questi reperti, per essere di provenienza sporadica e fuori quindi dal loro srcinario contesto, sono di non facile classificazione, cosicché la loro utilità ai fini della licostruzione del l ambien te umano, di cui sono pur sempre preziosa reliqui a è spessissimo ridotta, Pertanto, bisogna concludere che allo stato attuale delle scoperte ci è impossibile tracciare con chiarezza e dettagliatamente un capi tolo sulla vita dell uomo preistorico nella nostra zona. Meno evanido si presenta l quadro dei tempi meno remoti. Ci sfuggono, però, per gran parte le fasi culturali intermedie tra la fine della preistoria e l avvento della civiltà etrusca con l aspetto 3   35 L BRACClANESE NELL ANTICHITÀ  - tardo-villanoviano, detto «del ferro». Il dubbio se nel Braccianese vi furono addirittura queste fasi intermedie o se le culture tardopreistoriche si attardarono fino all incipiente epoca etrusca, pare doversi accantonare essendo quelle fasi ampiamente documentate tutt attorno alla nostra zona, a Cervèteri, a Tolfa, Allumiere, Luni sul Mignone, S. Giovenale. Col vrr secolo a.c. il Braccianese si apre ad un vero rigoglio i vita. Caere una delle più ricche e potenti città-stato del litorale tirrenico, si affaccia sugli odierni Monti Ceriti, alle sue spalle, e se ne assicura il possesso. Maggiori necessità di sicurezza o forse la scoperta di giacimenti minerari sui Monti della Tolfa fanno estendere ben presto la conquista ceretana delle alture all intero complesso montuoso fino alla valle del Mignone, oltre l quale vieta di spingersi la potenza di Tarquinia. Caere scende al fertile pianoro tra) monti costieri e il lago e arresta la sua avanzata verso l interno ai crinali dei Monti Sabatini, in vista del Sutrino, del Nepesino, dell agro falisco e capenate, della valle tiberina e della bassa Sabina. Unica frontiera fluida resta quella, mal definibile geograficamente, verso est, verso la potente Veio, con la quale Caere dovette forse dividere nei primi secoli del periodo etrusco il possesso del lago. Su di esso la lucumonia cerite dovette avere l intero controllo solo col declino di Veio, che finì per soccombere ali inizio del sec. IV a.c. alla prepotente avanzata di Roma. Riprova può esserne il fatto significativo che in età romana il a- ghetto di Martignano, ad est del lago di Bracciano, è detto lacus Alsietinus da Alsium il più orientale dei tre porti di Caere e corrispondente all attuale Palo. La metropoli ceretana ebbe dunque nel Braccianese il suo entroterra, ricco di foreste, di bestiame, di miniere, di telTeni adatti alla coltivazione, specie della vite e dell olivo. Ben presto, come dimostra la documentazione archeologica, questo entroterra si popola di tanti piccoli centri, probabili emanazioni della metropoli. Sorgono, nell àmbito della nostra zona, i villaggi etruschi di Rota, Monterano, Fortino, e forse anche Casale e Pian Curiano nel bacino del Mignone, quelli di Vicarello 4  137 L BRACCJANESE NELL ANTICHITÀ Tomba a camera rupestre del sepolcreto etrusco dei «Grottini» (Canale Monterano), e Trevignano sul lago, e molto probabilmente uno sul luogo stesso di Bracciano, come autorizza a credere la presenza di tombe etru-sche entro l abitato attuale. Le vie di collegamento sono per lo più dì fondazione preistorica. Tipica e importantissima quella triplice di fondovalle che da Cane toccati i Voltoloni sotto Castel Giu-liano, parlava da un lato a Tarquinia attraverso le Petrische, Sti-gliano, Rota e la media valle del Mignone, dall altro a Blera attra-verso Monterano, Ischia e S Giuliano, dall altro a Sutri e Nepi attraverso Bracciano, Vicarello e Trevignano. Interessante è anche il dislocamento dei villaggi dell entroterra ceretano, fatto apposta, sembra, per assicurare un sistema di segnalazioni rapide a scopo difensivo, come si può constatare tra il villaggio di FOItino sulla valle del Mignone e quello di Casale sulla valle della Lenta, In tal 5
Related Search
Advertisements
Similar documents
Advertisements
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks